aggiungi un mi piace al post Share this post on:

A pochi chilometri da Bologna ma già al confine con la provincia modenese si apre una zona collinare dove vigneti, calanchi, borghi e pievi antiche disegnano il paesaggio con fare piuttosto poetico.  Si alternano i boschi, prati, filari di pignoletto e campi di lavanda, discese e salite dolci e gentili.

Il terreno argilloso dà sensazioni particolarissime: è una terra che prende la forma dei passi che la attraversano e che è pronta a cambiare a seconda della pioggia o del sole, disegnando linee sempre inedite. Camminando lungo le creste dei calanchi sembra di camminare tra le nuvole, mentre i contorni delle colline, il sottobosco e i pendii verdi sanno coccolare i sensi e l’anima.

Grazie a Fondazione per lo Sport Silvia Parente e insieme alla nostra guida Ilaria Gallino di Nella Terra di Mezzo Escursioni ci addentreremo in un’escursione dai toni delicati ma mai scontati. Cammineremo partendo dall’ abitato di Stiore percorrendo i passi dei brentatori che portavano l’uva nelle loro gerle. Il percorso si snoderà dal borgo di Oliveto, proseguirà verso i  calanchi di Montemaggiore con la loro atmosfera unica per poi arrivare – annusando l’aria tra i vigneti del Pignoletto  -verso la località Zappolino.

Ci affideremo alla terra per attraversare i sentieri argillosi che corrono lungo i calanchi e ci immergeremo talvolta in qualche zona di sottobosco per poi lasciarci “rotolare” sui pendii verso l’inizio e la fine del nostro viaggio.

Il percorso si snoda tra sterrati, brevi tratti di asfalto e cavedagne per un totale di circa 14 km e un dislivello complessivo di circa 300 metri. Non ci sono particolari difficoltà tecniche ma potrebbe esserci fango in alcuni tratti nel caso di pioggia nei giorni precedenti.

L’escursione è inserita all’interno di Cammin Sentendo, progetto che ambisce a suggerire una modalità più presente e consapevole di camminare in natura. Per questa ragione le conduttrici Ilaria e Nadia proporranno di tanto in tanto nel corso della giornata giochi e attività per stimolare una presenza più profonda e godere appieno di ogni passo.

La giornata, come sempre, sarà aperta anche alle persone con disabilità visiva, che potranno contare, se necessario, sull’aiuto degli altri partecipanti, che a loro volta avranno la possibilità di fare un’esperienza diversa dal solito.

Per info e prenotazioni mettersi in contatto con me al  340 4933914 o per e-mail a info@fondazioneperlosport.com.

Per info

https://www.outdoor365.it/17-marzo-2024-cammin-sentendo-terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *